Giuseppe Sbalchiero, capo di Confartigianato Veneto, 60 mila associati, in un’intervista ha detto, commentando la sua delusione e quella di molti suoi associati sull’evoluzione di Grillo e del suo movimento, ha detto: abbiamo votato Grillo per “dare un segnale forte a centrodestra e centrosinistra, per dire guardate che la nostra pazienza sta finendo, datevi una mossa, dopo anni in cui il 70-80 per cento della nostra categoria aveva premiato Pdl e Lega”. Testuale.

Qualche considerazione. La prima è che di politica c’è gente che ne mastica pochina: perché cosa fosse il Movimento 5 stelle era molto chiaro, e lo stesso CasalGrillo lo aveva spiegato per filo e per segno. Non averlo voluto capire, è un problema su cui qualche milione di nostri connazionali dovrebbe interrogarsi.

La seconda è un’altra: vorrei capire se per tutti coloro che leggono è evidente che se voti per anni Pdl e Lega, e ti deludono, è normale sentire il bisogno di dare loro un segnale forte. Meno normale è sentire il bisogno di darlo anche allo schieramento che non hai votato: infatti, conosco molti delusi del Pd che hanno votato Movimento 5 stelle, ma di dare un segnale a Pdl e Lega non ci hanno proprio pensato.

Vine un dubbio: Sbalchiero e i suoi associati veneti non voterebbero in nessun caso per il centrosinistra. Bisgnerebbe chiedersi perché. Lo si dovrebbe chiedere a Sbalchiero. Ma se lo dovrebbe chiedere soprattutto il centrosinistra.

Pubblicato (anche) su Giornalettismo

Annunci