Vincere, non riesco a vincere
ma Casini mi autorizza a credere
che un governo mio, positivo o no
è qualcosa che sta dentro la realtà.

Nel dubbio mi prendo il partito
laico, di sinistra e ardito
con Bindi, Fioroni, Marini e altri democristiani
far finta di esser (Ber)sani.

Far finta di essere insieme a una coalizione normale
che riesce anche ad esser fedele
tra Vendola, Buttiglione, Fassina  e i socialisti  italiani
far finta di esser (Ber)sani.
Far finta di essere…

Premier, sentirsi Premier
forse per un attimo è possibile
ma che senso ha se io sento in me
la misura della mia inutilità.

Per ora rimando il suicidio
a Renzi lo guardo e lo studio
le masse, la lotta di classe, i testi gramsciani
far finta di essere (Ber)sani.

Far finta di essere un Premier con tanta energia
che firma gli accordi con India e Turchia

Obama, la Merkel, la Cina e i sudamericani
far finta di essere (Ber)sani.
Far finta di essere…

Vanno, i miei elettori vanno
vanno la mano nella mano
vanno, anche le primarie vanno
vanno, e si vincono piano piano
Palazzo Chigi, l’inno di Mameli
i governatori , gli assessori comunali…
Ma vedo Veltroni cantare
D’Alema mi vuole fregare
non so più se ridere o piangere
o batter le mani.
Far finta di esser (Ber)sani.
Far finta di esser (Ber)sani.
Far finta di esser (Ber)sani.

(E speriamo che Giorgio Gaber mi perdoni…)

Pubblicato (anche) su Giornalettismo

Annunci