La vicenda della statua di Manuela Arcuri a Porto San Cesareo è nota: eretta nel 2002, tolta nel 2010 dopo il cambio di maggioranza in Comune, rimessa al suo posto dopo il nuovo cambio di sindaco. E adesso oggetto di indagine giudiziaria, con tanto di convocazione in procura della stessa Manuela Arcuri. Magnifica.

Perché a chi caspita può venire in mente di dedicare una statua – sprecando tempo e soldi dei contribuenti – a Manuela Arcuri, bella e celebre, ma certo non una diva planetaria? E chi può sprecare altro tempo e soldi dei contribuenti per rimuoverla? E a chi può venire in mente di risprecare tempo e altri soldi dei contribuenti per rimetterla a posto? E chi infine può perdere tempo e soldi dei contribuenti per farci un esposto alla magistratura, un’indagine giudiziaria, e magari pure un processo?

Ma è chiaro, perdinci: a noi italiani. Immaginiamo Angela Merkel che, mentre ascolta Monti illustrarle i suoi compitini – rigore, austerità, serietà, nuova Italia ecc… – viene a sapere di questa storiella. Si arà un sorrisetto, come quella volta con Sarkozy. Mentre da noi la cosa viene presa sul serio.

E magari qualcuno proporrà alla Arcuri anche un posto di prestigio, nel governo prossimo venturo. Scommettiamo?

Pubblicato (anche) su Giornalettismo

Annunci