“Vorremmo avere un sindacato che lotta anche fortemente per tutelare i propri lavoratori, che non protegge gli assenteisti cronici, i ladri, quelli che non fanno il proprio mestiere”. Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, dixit. Non si può non essere d’accordo.

“Vorremmo avere associazioni dei datori di lavoro che non chiedono gli aiuti di Stato, che non giustificano l’evasione fiscale, che non difendono monopolisti e oligopolisti o quelli che infrangono le norme sulla sicurezza sul lavoro e sul rispetto dell’ambiente”. Questo Emma non l’ha detto. Certo una dimenticanza.

Perché in questo bellissimo paese che è il Bel Paese, è sempre facile guardare la pagliuzza negli occhi altrui e dimenticarsi della trave nei propri.

E se qualcuno obiettasse: quando mai Confindustria ha difeso evasori, monopolisti, imprenditori bravi a scansare i lacci e i lacciuoli della sicurezza si potrebbe rispondere: ma perché, qual è il sindacato che difende i ladri e gli assenteisti o quelli che non fanno il loro dovere?

Pubblicato (anche) su Giornalettismo

Annunci