Nubi nere addensano i nostri orizzonti: le borse in tensione, l’effetto domino della crisi greca, l’allarme sul debito Usa, i ministeri della Lega al nord, una pazza estate che tarda ad arrivare, il flop dei saldi estivi, i capelli che cadono, la prova costume.

Nel Corno d’Africa, 12 milioni di persone, strette tra le guerre e la siccità, sono a un passo dalla morte per fame. Servirebbero 120 milioni di dollari subito, e 1,6 miliardi di dollari in un anno per fronteggiare almeno l’emergenza.

Troppi? Il bilancio della difesa Usa è di 768 miliardi di dollari annui. Il taglio di fondi al bilancio Usa proposta da Obama è di 2.700 miliardi di dollari in dieci anni. Il nuovo prestito concesso alla Grecia è di 109 miliardi di euro.

E già. Dal Corno d’Africa, niente di nuovo.

Pubblicato su Giornalettismo

Annunci