E’ caldo, c’è un cielo plumbeo sui tetti di Roma. Mi chiamo Mario Donati e sto andando al lavoro, sono un sarto, ho un negozio vicino a Piazza dell’Esedra. Mi fermo all’edicola, compro il mio giornale, Il Giornale d’Italia. L’edicolante, di solito molto cordiale, non parla e resta serio, non mi chiede di mia moglie e dei bambini. La prima pagina, titola “Il fascismo e i problemi della razza.”. E’ il 15 luglio del 1938.

Leggo. Dieci grandi scienziati italiani, gente del mio Paese, quello dove sono nato, cresciuto, dove ho sorriso, pianto, amato e vissuto, hanno scritto “Il manifesto della razza”. Dice che le razze umane esistono davvero, che la razza è un concetto biologico e non culturale, che gli italiani sono di razza ariana, che sono una razza pura e non “infettata” da altri popoli e nazioni, e che bisogna fare tutto il possibile perché resti una razza pura. C’è scritto anche che gli ebrei non appartengono alla razza italiana.

Oddio. Io sono ebreo. Dunque, non sono italiano. Mia moglie però non era di religione ebraica. Lei sarebbe ariana, anche se non so cosa voglia dire. E Riccardo e Elena, i nostri figli, cosa saranno? Oddio, perché l’ortolano mi sta guardando con quella faccia? Che cosa ho io di diverso? Cosa ha da gridare quel tipo in camicia nera, davanti al mio negozio? Cosa sta succedendo, e cosa ne sarà di noi, domani.

Il manifesto sulla purezza della razza fu sottoscritto da 180 scienziati, 140 politici, giornalisti, ed intellettuali. Poche settimane dopo furono varate le prime leggi razziali: Ai “non ariani” fu impedita l’iscrizione a Università e scuole pubbliche, tolto il posto nei pubblici uffici, impedito il matrimonio “misto”. Seguirono poi per molti l’internamento e anche la deportazione. La shoah ci fu anche in Italia.

Ricordiamo che questo è stato, perché spesso facciamo persino finta che non sia mai accaduto. E ci sono molti imbecilli che potrebbero farlo succedere ancora.

Pubblicato su Giornalettismo

Annunci