E tutti vissero felici e contenti, fino alla fine dei loro giorni senza fine. Gli amori, nelle favole finiscono così. La realtà però è un po’ diversa: le coppie si sfaldano, gli amori finiscono, a volte pure in malo modo. La felicità sembra davvero un’illusione. E ognuno cerca la sua ricetta, il partner ideale con cui vivere felice e contento fino alla fine dei suoi giorni senza fine. Ma qual’è il partner ideale?

Un antico detto dice che gli opposti si attraggono. Mica vero, sostiene uno studio dello psicologo britannico Glenn Wilson: l’amore è eterno quando i partner si assomigliano, certificato pure da un “quoziente di compatibilità”. Studi di Università di mezzo mondo sostengono che la similarità garantisce l’eterno amore: la ricetta della felicità è a portata di mano. L’amore è bello se non è litigarello. E se poi tutto il resto è noia, pazienza. E’ bello che ci sia chi perde tempo e investe denaro (pubblico) alla ricerca di una “regola matematica”.

Forse basta accontentarsi del fatto che l’amore sia un magnifico dono, il più bello della vita. Un dono che non è a buon mercato, ma neppure così raro. Sono molti che l’hanno incontrato, a volte per un lungo periodo, o solo per un breve battito di ciglia. A volte il dono resta, spesso si trasforma in qualcosa di diverso: migliore o peggiore? Chissà. A volte il dono svanisce, o ci si accorge che era solo un’illusione.

Ma forse, semplicemente, l’amore è un mistero da cui è bello lasciarsi incantare. Ed è sempre eterno. Finché dura.

Pubblicato su Giornalettismo

Annunci