A partire da oggi, e rigorosamente in par condicio, andremo ogni tanto a intervistare  alcuni personaggi chiave in grado di spiegare ai nostri 36 piccoli lettori (ma soprattutto a noi che sappiamo un’unica cosa: di non sapere!) cosa succederà di importante in Italia nei prossimi anni. Ovviamente, dato il periodo elettorale, ci occuperemo anche, appunto, delle imminenti elezioni politiche. Proveremo quindi nelle prossime settimane, grazie ai nostri potenti mezzi, ad intervistare (sul serio? Per scherzo? Chissà…) i principali Candidati premier, importanti personaggi dell’economia e della finanza, opinion leaders, giornalai e anche…giornalettisti. Non possiamo che iniziare, approfittando della sua venuta a Perugia, con il “nostro” leader. Ecco a voi Walter Veltroni, il candidato premier del Partito Democratico.

Ciao Walter. In nome della nostra vecchia amicizia, se vuoi ci diamo del tu, ve bene?

Certo Mister X, va benissimo.
Cominciamo con una domanda facile. Tu pensi davvero di vincere le elezioni?
Io ne sono sicuro.
Su cosa basi questa tua convinzione?
Mi baso sulla profezia di Dante del primo canto dell’inferno. Per te che sei un ignorante e non hai studiato la Divina Commedia, la profezia del Veltro,  quella che dice che l’Italia troverà salute “..infin che’l Veltro verrà” Ecco, sono arrivato. Come dico sempre, si sente un’aria del tutto nuova
Non sarà l’odore dei rifiuti di Napoli?

Non so..forse è un odore…Ma anche qualcos’altro…qualcosa che i sondaggi non misurano, un desiderio di novità che noi intercettiamo..ora non saprei spiegarti in dettaglio, anzi, devo pensarci meglio. Anzi, se hai un’idea tu dammi una mano, in nome della nostra vecchia amicizia
Io lo definirei “Il nuovismo senza idee nuove”. Che te ne sembra?
Ah ah…Niente male, questa me la segno…
Guarda che non è che ci sia tanto da ridere..Va bene, dimmi il tuo giudizio sull’operato del Governo Prodi
Ti chiedo scusa…ma chi è questo Prodi?
Ma dai Walter, non fare il furbo. E’ il presidente del Consiglio in carica, no?
Dici? Davvero, mi spiace, non lo conosco proprio. Pensavo fosse un altro..non ricordo..D’altronde io negli ultimi 7 anni ho fatto un altro mestiere, e non mi sono mai occupato di politica
Bè, se è per quello neanche prima…Va bene, passiamo ad altro. Quali sarà la prima cosa che farà un ipotetico Governo Veltroni?
Bello ipotetico, mi piace, evoca mondi lontani, utopie concrete…Bene, per prima cosa, vareremo un’importante e decisiva riforma. Cancelleremo dal Dizionario della lingua italiana la parola Sinistra. E’ vecchia, stantìa..al suo posto useremo il termine riformista. E’ più moderna, più trendy, più giovane…non ti sembra?
E’ una tua opinione…
No, scusa, stavolta hai sbagliato tu. Ti ricordo, serenamente ma anche pacatamente, che io non ho mai avuto un’opinione.
Ma scusa, non la senti la voce del cuore? Dove batte, il tuo cuore? Il tuo cuore, almeno quello, sarà a sinistra, no?
Scusa, ma dal famoso congresso di Sanremo del 1971, che la grande politologa Nada Malanima ci ha spiegato che “il cuore è uno zingaro e va”…è a lei, a lei sola che dobbiamo riconoscenza, se oggi siamo arrivati a questo punto. E’ lei l’unico riferimento ideale del Pd!
Veramente, erano in due. La cantò in coppia con Nicola di Bari.

Sì, ma lui è poi è diventato un’estremista. L’anno dopo tradì la causa del Pd, e cantò “I giorni dell’arcobaleno”, l’inno di Bertinotti, Pecoraro e Diliberto…E poi, basta con questi dibattiti superati. Io guardo avanti, al futuro…Come ho già spiegato chiaramente in un’altra intervista, noi del Pd  “Somos reformistas, no de izquierdas…”
Allora è vero. Hai saltato il fosso, il Pd non è di sinistra…
Ma sei diventato un fazioso pure tu? Non hai visto che poi ho smentito?
Ecco appunto….davvero non ti smentisci mai: sei il solito cerchiobottista. Ma non ti sembra di essere un po’ troppo ondivago?
Bè, come dice quel bellissimo slogan che senz’altro utilizzerò nel corso della campagna elettorale: “Onda su onda, il mare mi ha portato qui..”
Ma veramente, era una canzone…A proposito di atteggiamenti ondivaghi, vuoi dire una parola definitiva sul fatto che il Pd è un partito realmente laico?

Ma certo, l’ho spiegato in mille modi! Convintamente laico, come dice sempre il mio amico e consigliere Ruini. Nel Pd siamo tutti laici e di vedute larghe, lo giuro sul cilicio della Binetti!
Oh mamma mia..senti, bisogna darti atto che sulle candidature hai fatto anche qualche scelta coraggiosa…Però, hai deciso di candidare anche Serra, che hai da dire?
Ma come, proprio tu Mister X? Che cos’hai contro l’umorismo, la satira..Non è che sei diventato invidioso dei colleghi più bravi di te?
Guarda Walter che io parlo di Achille Serra, non di Michele Serra. Achille, il prefetto…L’ex senatore di Forza Italia..
Ah, scusa…Intanto, mi sembrava giusto (visto che ho scomodato Dante) ricordare anche la poetica di Omero. E poi uno slogan elettorale “Cantami o Diva del pelide Achille” per il Pd mi sembra che suoni bene, no?
Per suonare, suona. Anzi, direi che è proprio suonato..
Oh, vedi. E poi, diciamocela tutta, noi siamo per la libera circolazione di beni, persone, cose. E così, abbiamo fatto un accordo con Berlusconi.
Allora è vera la storia dell’”inciucio”!
Sì, ma è un accordo (non dire inciucio!) alla luce del sole.Basta con gli steccati. E’ come nel calcio, in ogni squadra ci possono essere un tot di stranieri, di “fuoriquota”….Ecco, Silvio mi candida un po’ di comunisti “fuoriquota” (sono anni poveretto che dà il buon esempio con Sandro Bondi) e io candido qualcuno di Forza Italia. Un “buono scambio” tra Pd e PdL. E poi in una compilation di successo, ci devono essere canzoni di vario tipo. Infatti, ho candidato anche un Generale….perchè, non  ti piace?
Generale di De Gregori, sì. Pure molto. Infatti è una canzone pacifista…
Allora, vedi che siamo d’accordo…e che te ne pare allora della mia geniale idea di candidare Calearo, il presidente di Finmeccanica
Pensa, è così geniale che non ne volevo parlare..lasciamo perdere, va…Piuttosto, dimmi perché gli elettori indecisi dovrebbero darti il loro voto..Dai, prova a convincerli!
Ehm, perché….ehm….non hai una domanda alternativa?
Ma dai Walter! E che cavolo! Ma non puoi almeno dire: “Votate per me perché non c’è un’alternativa migliore” ?
Potrei, certo. Ma lo sai che io non dico bugie come Berlusconi…Noi del Pd siamo persone serie e competenti. Come Tremonti quando parla di economia. E abbiamo un programma che è tutto un programma! Senti, posso farti io una domanda? Ma tu, mi voterai?
Qui le domande dovrei farle io. Ma ti rispondo, pacatamente e serenamente: non lo so ancora. Forse sì..ma anche no
Ma che fai mi prendi in giro?
Ma perché fino ad ora cosa ho fatto? Non s’era capito? Andiamo bene…Va bene, dai: l’ultima domanda: Che farai dal 14 aprile, se perdi le elezioni?
Mi sembra ovvio: il vicepresidente del Consiglio!

E con questa ultima risposta Walter ci ha salutato, con il suo affabile sorriso, voltandosi verso la folla che lo attendeva ed ha iniziato ad applaudirlo. C’erano giovani, donne, persone con i jeans e gente vestita elegante. Erano davvero tanti, e sembravano tutti brava gente. Speriamo davvero che non li deluda troppo…
Buon tutto!

Le interviste proseguiranno nelle prossime settimane con gli altri candidati e anche con altri importanti personaggi della vita italiana. A chi fosse interessato, basta passare di tanto in tanto da queste parti, se vi va. Le prossime saranno al candidato premier Silvio Berlusconi e poi una a….sorpresa!

Se questo post ti piace, lo puoi votare. Basta andare QUI e cliccare OK

Annunci